18^ Decoro Day

Tag

10° decoro-day 022In occasione della festa per i 40 anni del Pineto si terrà la 18^ edizione del Decoro Day promossa dalle associazioni Cittadinanzattiva Aurelia, Bastacartelloni e dai blog antidegrado Riprendiamociroma e Romafaschifo.

Con la riproposizione nel Parco del Pineto di questa iniziativa i promotori intendono sollecitare tutti i soggetti che hanno competenze nella gestione del Parco (Municipio 13 e 14, Romanatura, AMA, Comune e Regione Lazio) ad affrontare e risolvere le annose problematiche che affliggono questo prezioso polmone verde da tempo immemorabile, prendendo in considerazione le proposte formulate da molto tempo da associazioni e volontari.

Chiediamo:

  • piantumazione di nuovi alberi nell’area giochi prospicente il Casale del Giannotto e riqualificazione delle aiuole presenti nei due parcheggi laterali di Via Albergotti;
  • coinvolgimento dei volontari e della Protezione civile (con potere sanzionatorio) nella sorveglianza (accampamenti abusivi, accensione fuochi, ingresso auto e moto nel parco, abbandono rifiuti,deiezioni canine, vandalismo etc) e nella repressione dei reati ambientali;
  • lotta agli accampamenti abusivi all’interno del parco;
  • realizzazione di un’area cani;
  • RECINZIONE del Parco almeno nel tratto compreso tra Via Albergotti e Via Gioacchino Ventura;
  • posizionamento di una “campana” per la raccolta del vetro vicino all’ingresso di Via Albergotti;
  • posizionamento di contenitori per i rifiuti accanto alle panchine e ai tronchi usati come sedili dai cittadini.

VI ASPETTIAMO sabato 12 ottobre, alle ore 10, davanti all’ingresso della Biblioteca (via Pineta Sacchetti 78).

Portate guanti, rastrelli, sacchi per la raccolta dei rifiuti e soprattutto ENTUSIASMO E VOGLIA DI CAMBIARE!

“Peri” per terra. Walk show, passeggiate peripatetiche per i 40 anni del Parco del Pineto

card.TeatriDellaMemoria.fronte

Nell’ambito della Festa per i 40 anni del Parco del Pineto, domenica 6 ottobre, alle ore 16,30 (e il 7 ottobre, alle ore 10, per i bambini della Scuola Elementare N.Sauro), con partenza dall’ingresso di Via Papiniano che introduce alla zona più selvaggia del Parco, si svolgono due walk show. Si tratta di due passeggiate “peripatetiche” (con l’ausilio di radio e smartphone), una più filosofica, politica e poetica, l’altra più ludica e pedagogica (vedi il concetto di “apprendimento dappertutto”). Quest’ultima la chiamiamo “Peri per terra”.  Piedi (“peri” in siciliano) per terra e testa per aria e anche nel cloud, per prendere dal web qualche risorsa informativa, qualche voce, qualche frammento di memoria…

Quella della domenica, inscritta a tutti gli effetti nella Festa, avrà proprio il carattere di “passeggiata peripatetica”: per confrontarsi sulle idee “Per i Parchi” di Roma, sui temi della rigenerazione urbana (vedi l’articolo pubblicato su La Nuova Ecologia) e sul rapporto appassionato che molti di noi hanno con questo Parco del Pineto che ha al suo interno una vera e propria “riserva integrale”. Passeggeremo ascoltando Celso Coppola (tratto dal geoblog che abbiamo realizzato per Teatri della memoria, vedi la locandina in cima), il “pasionario” che 40 anni fa con il Pineto ha inaugurato le lotte per il riconoscimento dei Parchi come bene comune.

Superato un tunnel (vedi il brevissimo report video) si entrerà nella dimensione di un bosco raro, tra sabbie rosse, sughere e mirti, … senza escludere il fatto d’incontrare dei funghi (com’è successo tempo fa… vedi il report su un precedente walk show che ha solcato il Parco del Pineto. A proposito:  al Parco dell’Appia Antica , il 20 ottobre, ascolteremo il testo di Italo Calvino “Marcovaldo. I funghi in città” mentre sciameremo nella Caffarella, cercando prataioli (lo scorso anno ne abbiamo trovati tanti…dimenticavo: ho il tesserino regionale che mi autorizza alla raccolta).

Carlo Infante – Urban Experience

Trekking urbano dall’Insugherata al Pineto

Tag

,

passeggiatainsugheratapinetoDOMENICA 13 OTTOBRE 2013 (h. 9:30-12:30)
a cura dell’Associazione Amici di Monte Mario

h. 9.15 Appuntamento in via Trionfale, a lato del sottopasso ferroviario (fornice) presso l’Ospedale S. Filippo Neri, altezza via Giovanni Della Casa;

h. 9.30 Partenza: imboccata via Giovanni Della Casa, svolteremo a sinistra in via P. Emilio Castagnola e da qui entreremo nella Riserva Naturale dell’Insugherata, scendendo nell’ampia vallata centrale;

h. 10.00 Seguiremo poi lo stretto sentiero che attraversa la Macchia di Santo Spirito e risaliremo al Casale Mostarda, dove faremo una sosta;

h. 11 – 12 Sosta nei pressi del Casale Mostarda;

h. 12.00 Ci dirigeremo verso la via Trionfale, raggiungendo piazza Monte Gaudio e il Fontanone di Pio IX intorno alle ore 12.30;

h. 12.30 Quindi, percorrendo via N. Fornelli, la passeggiata si concluderà nell’area verde di via Luigi Morandi, uno degli accessi al Parco del Pineto, dove ci accoglierà per un saluto una rappresentanza dell’Associazione S. Onofrio.

INFORMAZIONI UTILI:

Potrebbero esserci dei tratti fangosi o scivolosi, si raccomanda perciò di indossare scarpe robuste e giacca a vento impermeabile.
Iniziativa soggetta ad essere annullata in caso di condizioni meteo avverse.
Il luogo dell’appuntamento è servito dalle linee ATAC: 907 – 997 -998- 998L ed è anche raggiungibile comodamente con la linea ferroviaria FL3 – Fermata S. Filippo
Passaggi ogni 15 minuti circa – Orari consultabili sul sito dell’Atac.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: per motivi organizzativi è necessario comunicare entro venerdì 11 l’intenzione di partecipare a
Ennio De Risio cell. 328-0505089 – email: ennioderisio@yahoo.it

Passeggiata nella Valle dell’Inferno

Tag

fornaceveschiSabato 12 ottobre alle ore 10 appuntamento a Viale di Valle Aurelia 58, vicino alla Chiesa San Giuseppe Cottolengo, da dove si vede la Fornace Veschi.

Insieme a Donatella Panzieri, autrice della trilogia “Valle dell’Inferno – Valle Aurelia” e a testimoni della vita nella Valle ricorderemo il lavoro e la fatica dei Fornaciari.

Raggiungeremo la Casa del Popolo dove, davanti alla lapide dei martiri uccisi a Forte Bravetta e alle Fosse Ardeatine, rivivremo la fede politica della borgata anche attraverso le canzoni di lotta che sceglierà per noi Piero Brega, musicista e socio fondatore del Circolo Gianni Bosio.

Nel Borghetto dell’Inferno cercheremo di far riemergere con letture e testimonianze anche gli episodi di solidarietà dei valligiani e l’eroismo del parroco Don Pietro, che aiutò i tanti antifascisti nascosti nel Parco del Pineto, pagando con la vita il suo coraggio.

Per informazioni telefonare a:

Antonella Prisco (388 7403936 – antonellaprisco@gmail.com)
Cristina Norante (335 7013233 – cristinanorante@yahoo.it)

La locandina è in stampa!

Tag

, , ,

Locandina40anniDEFCe l’abbiamo fatta! Anche se un po’ in ritardo e con qualche inevitabile imprecisione, abbiamo definito la locandina ed il programma definitivo degli eventi organizzati per celebrare il quarantesimo anniversario dell’azione dei cittadini per la difesa del Parco del Pineto.

Potete scaricare e diffondere il programma ai vostri contatti:

Pieghevole_40_anni_esterno

pieghevole (esterno)

Pighevole_40_anni_interno

pieghevole (interno)

E potete seguire gli aggiornamenti su questo blog e sulla pagina dell’evento.

Vento dall’est. Ritmi, armonie, dissonanze nei canti dall’est Europa

Tag

, , ,

ventodallestNell’ambito delle celebrazioni di “Quarant’anni per il Pineto e per i Parchi di Roma”

VESNA

gruppo vocale dell’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione CNR

con: Cristina Burani, Antonella Devescovi, Mariella Gaeta Pantusa, Francesca Miano, Maria Miceli, Camilla Pagani, Mariacristina Picchio, Roberta Santacesaria

diretto da Francesca Ferri

PRESENTA

Vento dall’est. Ritmi, armonie, dissonanze nei canti dall’est Europa

Concerto di canti tradizionali e composizioni originali che parlano della natura, di dio, di amore, tradimenti, sogni, in lingue e sonorità diverse.

20 ottobre, ore 17.30 – Casali Torlonia – via della Pineta Sacchetti 78

Ingresso libero

Prime anticipazioni sugli eventi di domenica 6 ottobre

Tag

, , , ,

Si avvicinano i tre giorni di celebrazione del quarantesimo anniversario dell’azione dei cittadini in difesa del parco del Pineto.

Pubblichiamo alcune anticipazioni sugli eventi previsti per la giornata di domenica 6 ottobre. Nei prossimi giorni seguiranno le comunicazioni su tutti gli eventi previsti.

Ore 9.30 – Passeggiata alla scoperta della Riserva Naturale dell’Insugherata, a cura dell’Associazione Amici di Monte Mario.
Appuntamento in via Trionfale, a lato del sottopasso ferroviario presso l’Ospedale S. Filippo Neri. Conclusione prevista intorno alle ore 12.30 presso il Parco S. Onofrio, in via Luigi Morandi.
Si consiglia un abbigliamento comodo da campagna. Iniziativa soggetta ad essere annullata in caso di condizioni meteo avverse.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 328-0505089 (Ennio De Risio), email: ennioderisio@yahoo.it.

Ore 11.30 – Lezione dimostrativa gratuita di Yoga kundalini, tenuta dall’ insegnante Patrizia Loreti
Appuntamento presso la Casa del Parco, via Pineta Sacchetti 78.
Prenotazione obbligatoria: Patrizia Loreti, 348.6960835 (portare un tappetino e indossare abbigliamento comodo).

Ore 12.30 – Lezione dimostrativa gratuita di T’ai C’hi Chuan, tenuta dal maestro Angelo Bartocci.
Appuntamento presso la Casa del Parco, via Pineta Sacchetti 78.
Prenotazione obbligatoria: Angelo Bartocci, 333.3571956 (portare tappetino e indossare abbigliamento comodo)

Miti d’acqua

LogoOThiasos

Tra gli eventi in programma segnaliamo lo spettacolo della compagnia O Thiasos, che andrà in scene domenica 6 ottobre, alle ore 18:30, nell’area antistante i Casali Torlonia, all’ingresso di via Pineta Sacchetti 78.

O THIASOS TEATRONATURA
presenta
Miti d’acqua

dalle Metamorfosi di Ovidio
Spettacolo di narrazione per voce, viola e genius loci

testo scritto e narrato da Sista Bramini

musica per viola scritta e interpretata da Camilla Dell’Agnola

Per maggiori informazioni potete scaricare e leggere la scheda dello spettacolo.

Obiettivi del convegno sulle problematiche del parco

di Giovanni Mantovani

Cari Amici,

in vista dell’assemblea del 10 settembre e col fine di dare un contributo ad accelerarne i lavori (manca meno di un mese all’evento e sarà quindi necessario arrivare a decisioni operative su tutti i fronti) vi ricordo in sintesi gli obiettivi in base ai quali l’Associazione Amici di Monte Mario ha proposto di organizzare il convegno sulle problematiche del Pineto:

  • Esporre i problemi che le associazioni vedono gravare sul Pineto (stato dell’acquisizione, anche in relazione alla vicenda giudiziaria; stato e futuro del piano d’assetto; interferenze viarie e ferroviarie; stato attuale e prospettive della pubblica fruizione, con specifica attenzione agli aspetti di sicurezza, pulizia, accessibilità, tutela del patrimonio naturalistico, ecc.). L’esposizione dovrebbe basarsi su principi ampiamente condivisi, senza proporre specifiche soluzioni, che potrebbero trovare non concordi tutte i componenti dell’assemblea.
  • Ottenere esauriente informazione sulle tematiche di cui sopra da rappresentanti dei principali enti aventi competenza (Regione e sue strutture competenti; Roma Capitale, per i profili urbanistici e viabilistici; RFI/Trenitalia).
  • Gestire opportunamente un momento di confronto.

 Per cogliere questi obiettivi, si può ipotizzare il seguente programma:

  1. Relazione introduttiva di un rappresentante delle associazioni, condivisa, nella quale vengano esposti i vari problemi (potrebbe eventualmente essere articolata in due interventi, se risultasse opportuno.
  2. Intervento di un idoneo rappresentante della Regione e/o di RomaNatura.
  3. Intervento di un idoneo rappresentante di Roma Capitale.
  4. Interventi di un idoneo rappresentante di RFI.
  5. Dibattito tra i relatori, preferibilmente moderato da un bravo giornalista ed eventualmente aperto, in conclusione, a brevi e ben gestiti interventi del pubblico.

La durata totale potrebbe aggirarsi su 2 ore – 2 ore e mezza.

I parchi a Roma. Tra inquietudine e attesa che fare?

Tag

, , ,

parchiroma

Una sottile inquietudine percorre la città: in alcuni quartieri si misura con i palazzi più alti, in altri con le abitazioni più piccole. Alcuni tentano una spiegazione e pensano che sia conseguenza dell’alternarsi tra il sole del mattino ed i temporali pomeridiani.

L’inquietudine genera sovente litigiosità, aggressività nel centro paludato e nelle periferie abbandonate, per cui molti vorrebbero allontanarsi da Roma: un mix di radici culturali dimenticate e/o tradite e di conseguenti assenze di identità e consapevolezza.

Inquietudini, si può sostenere, tipiche di un’area metropolitana caratterizzata, per un verso, da tante contraddizioni, conflitti e degradi di vario genere (territoriali, sociali, individuali) e, per un altro verso, da molti stimoli e ricchezze sociali e culturali.

Dall’incontro di queste situazioni positive e negative può realizzarsi una sensazione di attesa, incerta e sospesa tra il timore e la speranza.

Il timore è dato dal costante prevalere, da parte delle classi dirigenti, del potere sul servizio, per cui i cittadini, nella sostanza, hanno avuto più un ruolo di sudditi che di liberi appartenenti a una comunità. Questo modello culturale oggi sembra agire soprattutto attraverso la rendita fondiaria che arricchisce i grandi proprietari terrieri, i cosiddetti “palazzinari” che, invece di dedicarsi alla ristrutturazione del già edificato, continuano a devastare l’Agro Romano, ad accrescere l’abusivismo, a creare periferie inabitabili.

La speranza è data dal riemergere, negli ultimi decenni, di un fiume carsico inabissatosi, ma mai spento, rappresentato da singoli, gruppi e movimenti portatori ostinati di un’altra cultura, costruita sullo spirito di una comunità democratica, del rispetto per i diritti e per i beni comuni, dell’aggregazione sociale, della partecipazione, della solidarietà e della legalità, della ricostruzione di un rapporto positivo tra l’uomo e la natura.

Un’altra Roma (che rappresenta un’amplissima parte della cittadinanza), che produce pensiero, cultura, esperienze e movimenti. Se siete tra coloro che si interessano, o si interesseranno, a questi problemi potete trovarci al parco del Pineto il 4, 5 e 6 ottobre.

Per informazioni ed aggiornamenti, potete seguirci su questo blog.